Caso concessioni, Fiva Varese al vertice con il ministro Salvini

Il presidente provinciale degli ambulanti, Rodolfo Calzavara, lancia l’allarme. «Temiamo che l’iter di approvazione della nuova legge sia troppo lungo e che i “permessi” scadano»

👉 QUI le dichiarazioni del presidente Carlo Sangalli e nel numero uno di Fiva nazionale, Giacomo Errico

«Il rischio potrebbe essere la scomparsa di alcuni mercati. E tra questi c’è anche quello di Varese». Rodolfo Calzavara, presidente provinciale e consigliere nazionale di Fiva Confcommercio, lancia l’allarme anche a livello locale. Lo stesso allarme che è risuonato domenica 7 maggio a Milano in occasione della Assemblea generale degli ambulanti convocata dal presidente nazionale Giacomo Errico. Presenti Matteo Salvini (vicepresidente del Governo), Massimo Bitonci (sottosegretario del ministero delle Imprese e del Made in Italy) e Guido Guidesi (assessore regionale allo Sviluppo economico).

Il nodo concessioni

Oggetto del contendere è soprattutto il rinnovo delle concessioni, questione aperta e mai risolta da oltre dieci anni. «Nel 2018», spiega Calzavara, «è stata aperta una breve finestra, ma non tutti i Comuni ne hanno approfittato. Così, giusto per fare tre esempi che riguardano la nostra provincia, Busto Arsizio, Gallarate e Tradate si sono messi in regola fino al 2028. Mentre, sempre per fare degli esempi, gli ambulanti dei mercati di Varese e Luino hanno una concessione valida ancora soltanto per 18 mesi».

«È vero», prosegue in presidente provinciale della Federazione italiana venditori ambulanti, «la scadenza non è dietro l’angolo, ma è altrettanto vero che visti i precedenti è purtroppo legittimo non dormire sonni tranquilli. Ecco il motivo dell’importanza dell’Assemblea di domenica ieri (domenica 7, ndr) a Milano e della partecipazione di Fiva Varese. Da qui in avanti terremo altissimo il livello di attenzione, coinvolgendo anche l’opinione pubblica, perché non possiamo assolutamente correre il rischio di perdere anche solo un mercato».

Tempi e burocrazia

Ciò che preoccupa Fiva, e non poco, sono i tempi tecnici necessari ad arrivare alla nuova disciplina in materia di rilascio delle concessione dei parcheggi. «Il primo passo», spiega Calzavara, «è stato effettuato con l’approvazione del Consiglio dei ministri del Disegno di legge per il mercato e la concorrenza che, al suo interno, contiene anche le modalità con le quali si procederà al rinnovo dei “permessi” sulle aree mercatali. Ma l’iter è ancora lungo. Il DL deve ora arrivare alle Camere, che possono intervenire integrando, modificando o addirittura sopprimendo le singole disposizione. E, una volta espletato questo passaggio, la parola passerà ad ogni singola Regione. L’intesa tra Stato e Regioni in questa particolare materia non è affatto semplice, come dimostrano i quasi 13 anni di dibattito con soluzioni mai arrivate sulla questione delle concessioni. È perciò normale essere preoccupati perché il rischio, anche se lontano, che la burocrazia decreti la non regolarità dei mercati esiste».

Calzavara, infine, solleva i Comuni da qualsiasi “colpa”: «Le amministrazioni, come noi, attendono nuove direttive in assenza delle quali, una volta scaduta la proroga, non possono rilasciare le concessioni»

 

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ti offriamo supporto tecnico e finanziario per tradurre la tua idea di business in un’iniziativa di successo. Vai al sito…

🔸Fino a 800 euro all’anno di sostegni e contributi, consulta la guida 2023 e scopri come ottenerli, i termini e le modalità di presentazione delle domande.  Scarica la guida…

Nelle nostre strutture convenzionate visite specialistiche rimborsate del 50%. Approfondisci…

Esistono cibi, detti comfort food, che consentono di trovare una sorta di conforto emotivo, piuttosto che saziare una vera e propria fame. In Italia i più amati sono il cioccolato e la pizza. Cibi extra energetici sì, ma attenzione alla dipendenza… Leggi l’articolo

Convenzioni

Viaggia in treno con Italo: per te con sconti del 40%

Per gli Associati Confcommercio sconto esclusivo e riservato del 40% su tutte le tratte, per singoli acquisti delle offerte Flex, per l’ambiente Prima, Club e Salotti Scopri l’offerta.