La posizione di Confcommercio sullo sciopero del 22 dicembre

«Ribadiamo pubblicamente la disponibilità al confronto immediato, ma senza alcuna condizione nella discussione e rigettiamo le motivazioni poste strumentalmente a sostegno della giornata di astensione al lavoro»

Di seguito il comunicato stampa congiunto di Confcommercio e Confesercenti

I Contratti nazionali del Terziario sottoscritti da Confcommercio e Confesercenti sono  scaduti alla fine del 2019 e si sono riavviate le trattative per i loro rinnovi  all’inizio del 2020, ma la pandemia ha bloccato tutto.

A metà del 2021 si è tentato di riavviare i negoziati ma, complice in questo caso l’impennata inflattiva energetica, era complicato arrivare ad una chiusura contrattuale alla fine del 2022.

In tal modo le parti sottoscrissero un anno fa, il 12 dicembre 2022, un accordo ponte sulla parte economica, riconoscendo 350 euro di una tantum per ogni lavoratore al quarto livello e, sempre per il quarto livello, 30 euro al mese da aprile 2023 come acconto sul rinnovo, tralasciando momentaneamente la parte normativa.

Parte normativa, tuttavia, che si è sempre dichiarato da parte datoriale di dover rivedere, nel quadro di un negoziato complessivo, che vedesse un approccio improntato anche ad un recupero di produttività – misurabile come differenziale tra ore retribuite e ore lavorate – attraverso la revisione, la riscrittura, di parti del CCNL concordate in determinati periodi ed a certe condizioni, parzialmente non più esistenti.

Del resto, per aziende labour intensive come quelle del Terziario, è sempre più vitale, anche in riferimento alle richieste del mercato, avere elementi di flessibilità e di stagionalità.

Il confronto pertanto si è protratto per tutto il 2023 attraverso un intenso lavoro di commissioni tecniche che hanno prodotto significativi avanzamenti su temi importanti per entrambe le parti.

Quando si è però giunti alla necessità di stringere il negoziato, a fronte della disponibilità di riconoscere incrementi salariali in linea con l’inflazione, ma a condizioni di piena sostenibilità per le imprese, si è registrata una totale indisponibilità ad affrontare un confronto a tutto tondo e interrompendo ogni incontro di lavoro a partire dall’inizio del mese di settembre, per giungere alla proclamazione dello sciopero indetto per il prossimo 22 dicembre, adducendo motivazioni, alcune delle quali, totalmente strumentali e prive di fondamento come quella riguardante l’abolizione della 14^ mensilità.

Ancora i giorni scorsi, precisamente l’11 dicembre, abbiamo inoltrato alle OOSS Filcams CGIL; Fisascat CISL; Uiltucs una proposta di incontro a partire dal pomeriggio del 14 dicembre finalizzato “ad una rapida e proficua conclusione della vertenza per il rinnovo dei CCNL Terziario”, attraverso una trattativa ad oltranza.

Nella giornata odierna abbiamo però ricevuto un riscontro da parte delle suddette OOSS, che subordina la possibilità dello svolgimento dell’incontro alla rimozione di c.d. “pregiudiziali” concernenti una variegata tipologia di istituti contrattuali, tra cui quelli sopra citati, come la 14^ mensilità, accompagnata alla richiesta di riconoscimento dei dovuti aumenti salariali.

Poiché da parte nostra non sono mai state poste pregiudiziali, ma esigenze di un confronto complessivo su tutto il corpo del CCNL per inserire correttivi aventi come obiettivo la crescita della produttività, nonché l’innovazione di alcuni istituti ormai obsoleti e quindi sia della competitività delle nostre imprese, che della occupabilità dei lavoratori del settore, si è ritenuto di non poter accettare di condizionare un confronto alla presenza o assenza di determinate materie.

Per questo, ribadiamo pubblicamente la disponibilità al confronto immediato, ma senza alcuna condizione nella discussione e rigettiamo le motivazioni poste strumentalmente a sostegno dello sciopero del 22 dicembre.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ti offriamo supporto tecnico e finanziario per tradurre la tua idea di business in un’iniziativa di successo. Vai al sito…

🔸Fino a 800 euro all’anno di sostegni e contributi, consulta la guida 2023 e scopri come ottenerli, i termini e le modalità di presentazione delle domande.  Scarica la guida…

Nelle nostre strutture convenzionate visite specialistiche rimborsate del 50%. Approfondisci…

A partire dal prossimo anno i Pos potrebbero essere resi disponibili all’interno di esercizi commerciali. La proposta è stata inserita nella Legge di Bilancio 2024, nell’ambito delle misure a favore dei piccoli comuni. Renderebbe possibile il prelievo tramite i terminali dei commercianti convenzionati... Leggi l’articolo.

Convenzioni

Viaggia in treno con Italo: per te con sconti del 40%

Per gli Associati Confcommercio sconto esclusivo e riservato del 40% su tutte le tratte, per singoli acquisti delle offerte Flex, per l’ambiente Prima, Club e Salotti Scopri l’offerta.